Maglia parigina – parisian top

 

20140615_094258

t- shirt Plantain – Deer and Doe

Questa maglia è stato un regalo che ho fatto a Martina per il compleanno.

Ho trovato questo bellissimo tessuto di maglia a Parigi al Marché Saint Pierre, mitico negozio ! http://www.marchesaintpierre.com/

Rivisto a casa ho capito subito che un top realizzato completamente con questa stoffa sarebbe stato eccessivo. Così sono andata dal mio fidato negozietto di scampoli ,       Emmepi tessuti http://www.emmepitessuti.com/, che mi ha trovato una maglina della stessa tonalità di bianco con cui fare la parte dietro e le maniche.

Il modello è di una stilista francese indipendente che ha semplici modelli scaricabili in PDF. Deer and Doe. http:www.dee-and-doe.fr .

Modifiche : ho accorciato le maniche e cambiato leggermente la profondità dello scollo.

La cosa più difficile da realizzare è stato l’applicazione dello sbieco intorno al collo che non è risultata perfetta.

20140615_160603

This shirt was a gift that I made as a present for Martina’s birthday.

I’ve found this marvelous jersey fabric in a very famous shop in Paris, the Marché Saint Pierre.

But when I looked at it at home I realized that a top totally made with this material would be a bit too much. So I went to my little shop that sells remnants, Emmepi tessuti where I found a nice jersey with the same shade of white to make the back and sleeves.

The pattern comes from the collection of an independent french stylist that has simple models that you can download in PDF. Dee and Doe.

Alterations: I have shorted the sleeves and changed a bit the neckline.

The most difficult part  has been to add the bias to the neckline. Infact it isn’t perfect.

20140615_125507

Annunci

Vento di primavera – spring breeze

-Ecco lo stesso abito modello di Burdastyle già realizzato  in lana qui, questa volta, è con  le maniche……oltre che con un tocco di primavera!

Le maniche ad aletta sono una bella alternativa al vestito senza maniche in una versione estiva assai meno se portato con un golfino perchè come potete immaginare la manica non riesce a rimanere distesa.

Burdastyle -Cap Sleeve Shift Dress #130

Burdastyle -Cap Sleeve Shift Dress #130

Nel cucito ho capito sulla mia pelle che non bisogna mai fare il passo più lungo della gamba.

Affrontare troppe difficoltà tutte insieme è garanzia di sicuro insuccesso.

Così con la prima versione di questo modello, scelto volutamente tra quelli classificati facili avevo tolto maniche e lampo per rendere la cosa ulteriormente più facile.

Poi nella gonna azzurra mi sono dedicata all’inserimento di una lampo. Questa volta le difficoltà crescenti sono state tre (troppe):

-l’inserimento delle maniche 2.-il tipo di tessuto 3.-la necessità della fodera Il  tessuto , che non saprei come classificare, è molto leggero e trasparente, con una trama larga, per cui con difficoltà a mantenere la stessa forma.

Detail fabric

Detail sleeve

Detail fabric

Detail fabric

La sera cucivo e la mattina disfavo perchè la cucitura faceva delle grinze. Ci ho messo veramente tanto tempo. Mi sentivo molto Penelope di Omero!

Poi cercando su vari blog ho scoperto che:

  • mettendo sotto il tessuto una striscia di carta velina , la stoffa scivola meglio sotto il piedino della macchina da cucire. una volta terminata la cucitura si può strappare via la carta.
  • ogni volta che si inizia un nuovo progetto è buona norma cambiare ago. Questo è ancora più importante per i tessuti leggeri.

Anche l’inserimento della fodera ha avuto la sua difficoltà proprio perchè il vestito ogni volta che lo stiravo cambiava forma .Inserire le maniche invece è stato meno difficile del previsto in quanto questa manica ad aletta si monta solo sul lato superiore del giro manica. IMG_079011143363_1106727772675751_5759566180313893945_n

Riassumendo: un progetto che sulla carta sembrava assai semplice si è rivelato un vero incubo a causa della mia inesperienza. Sono riuscita comunque a finirlo e posso dire che è un modello molto pratico.

htp://www.burdastyle.com/projects/cap-sleeve-shift-dress


Here is the same dress, Burdastyle  pattern, I made beforehand in a woolen material here.  This time I made it with short sleeves (and with a spring dash!)

Jan_130_tech_drawing_original_thumb

Cap sleeves are a good option for a summer dress, although they are not really convenient if you have to wear the dress with a small sweater over. In my little sewing experience I learnt that you have not to bite off more than one can chew. If you deal with too many difficulties all together it is sure it won’t come up as you wanted to. That’s the reason why the first time I tried to make this pattern I took out the sleeves and the central zip in order to make it easier. Later,  with the blue skirt I learnt how to insert a zip.

This time I had to face three difficulties (too many!):

  1. the sleeves
  2. the fabric
  3. the lining

The fabric is very light and  in order to not see through so you need to line it. Moreover this fabric, because it has a wide weave,  is really challenging to deal with, and  it is hard to keep the same shape.   

 I was sewing during the evening  and the day after I was unsewing everything I did the evening before  because the seam made  wrinkles ll the time.

To me, it felt like Penelope’s web.

Then I found out on the web some informations:

  • If you put under the fabric some light paper it will slip better under the foot of the sewing machine.
  • Before starting a new project it is important to change the needle. This is even more important with light fabrics

Lining wasn’t easy to due to the difficulty of keeping the same shape all the time.

On the other hand the sleeves were unexpectedly easier to put on because you have  to sew only the upper part of the armhole

To sum up : what was supposed to be a very easy project on paper became a real nightmare due to my inexperience. Anyway I made it and I can say it was a very handy one.

  IMG_1416

Minigonna azzurra – blue mini skirt

Burdastyle 7/2013 #121

Burdastyle 7/2013 #121

Ho preso questo modello su Burda, Mini Skirt 07/2013#121, classificato come facile. Cerco ad ogni progetto di fare un passo avanti. Questa volta le difficoltà erano: 1.attaccare la lampo, 2.il tipo di tessuto. Il modello è molto versatile; cambi il tessuto e avrai una gonna completamente diversa. La mia è una versione invernale in velluto liscio.

IMG_5305IMG_5306IMG_5304IMG_5308

Per non rendere l’orlo troppo grosso l’ho rifinito con uno sbieco IMG_4753

Nei projects del sito Burda vi sono solo 2 realizzazioni. In una Baka-pepica però ne ha persino postato un tutorial:

http://www.burdastyle.com/pattern_store/patterns/mini-skirt-072013


I’ve caught this pattern on the Burdastyle issue of July 2013, the mini skirt #121. It is considered an easy pattern. I attempt at every project to take a little step forward in my sewing experience. This time I had to deal with two different kind of difficulties: 1.to install the zip, 2. The kind of material. This pattern is very versatile, you change the material and you ‘ll have a totally different skirt. This version is a winter skirt made on velvet. In order to make the hem less thick I’ve stitched it with a bias tape. On Burdastyle.com I ‘ve found only two project of this skirt baka-pepica post even a tutorial about this pattern

Primo progetto – My very first project

Il primo progetto è un vestito facile facile. Modello Burda. Era tanto che non cucivo più ed ora devo dire che i modelli sono molto più appetibili e soprattutto li puoi anche scaricare dalla rete. Accanto ad ogni modello ci sono le foto di alcune realizzazioni, cosa molto utile per mettere a punto il proprio progetto ( anche per vedere i difetti da evitare!)  L’unica seccatura che tutte le istruzioni sono in inglese e i termini di cucito non sono proprio tra i più utilizzati in una normale conversazione! Jan_130_tech_drawing_original_thumb Quello che ho scelto è il Cap Sleeve Shift Dress. Ho tolto le maniche che sono sempre un punto delicato. Siccome il collo a barchetta è abbastanza comodo ho eliminato anche la lampo dietro. Dicono che bisognerebbe fare un modello di prova con della tela ma visti i miei tempi biblici non finirei mai. Dato che è veramente un modello che sta bene proprio a tutti ,ho deciso che lo riutilizzerò più volte.

Featured imageIMG_2654

Questa è la versione in lana.

:Featured imageIMG_0844IMG_0846

Featured imageIMG_3463

IMG_0847

htp://www.burdastyle.com/projects/cap-sleeve-shift-dress


My very first project it’s a really easy one. It a Burda Pattern. It has been a while that I did  not sewing and nowadays I have to admit the the patterns are quite nicer and overall it is easier to get them because you can download them, beside every patterns there are pictures of some projects to get ideas and inspirations, which is really useful for make your own one (even to check out the imperfections to avoid!).  The only annoying thing is that all the instructions are written in english, and its quite hard to get all the sewing words (it’s not that you usually use them in a random conversation!). What I choose its the Cap Sleeve Shift Dress. I took off the sleeves  which are always pretty much tricky. Because the neckline is large enough  I avoided also the zip behind. They say it would be better to make at first a muslin, but because I am really slow, it would has  taken forever. Because its a pattern that literally fit anyone I decided I will use it again in the future and improve it. This is the wool version. I reinforced round the armhole and the neckline edge with a fusible interfacing in order to avoid  the stretch.

IMG_3118

Iniziamo dalle cose facili

IMG_3612

Sembra facile ma non lo è!

Ho riniziato a cucire da poco. Ho voglia di ricominciare a divertirmi con un passatempo creativo.  Ce la farò?………

Intanto inizio a mettere a posto i fili , rigorosamente per colore!


It seems to be easy but it is not !

It has been a short time that I started sewing back again. I want to start enjoying myself with my creative hobby again.  Will I make it ?

…meanwhile I started laying out all my threads strictly by color!